Settembre: pronti col quinto conto energia

entrata vigore 5° conto energiaIl quinto conto energia, che apporterà numerose novità a sostegno del settore fotovoltaico, entrerà in vigore a partire probabilmente dal primo settembre. Insieme si attiveranno gli incentivi alle altre energie rinnovabili: il solare termico, le biomasse, le geotermia. Il nuovo regime, molto più sfavorevole, è stato calibrato dai tecnici del ministero dello Sviluppo ed entrerà in vigore 30 giorni dopo il superamento del tetto di 6 miliardi di euro per anno di incentivi, previsto per il quarto conto energia.

Quinto Conto Energia 2012 PDF

Osservando i dati del “contatore fotovoltaico” pubblicato sul sito del Gse (Gestore dei sistemi energetici) è facile fare alcune deduzioni sulla data di raggiungimento della soglia: 366.151sono gli impianti in esercizio per circa 13.500 megawatt di potenza totale, che equivalgono a 5,7 miliardi di euro d’incentivi erogati dallo stato dall’avvio di questa iniziativa. Ulteriori 60 milioni di euro sono destinati ad impianti in corso d’istallazione. Secondo gli esperti la soglia dei 6 miliardi sarà raggiunta entro fine luglio e quindi dal mese di settembre entrerà in vigore il nuovo regime. Ciò comporterà un gettito di circa 500 milioni, che sarà prorogabile anche all’anno prossimo.
Sembrerebbe risultare uno scarso spazio di manovra per accontentare le richieste delle regioni, che chiedevano, fra l’altro, di attendere almeno l’inizio di Ottobre per l’avvio degli incentivi. Sarà invece probabilmente accolta l’istanza di allargare il numero degli impianti esonerati dall’iscrizione al registro di qualifica parametrica. Un impianto non iscritto al registro non dovrà rispondere ai requisiti prestazionali previsti dalla legge. Cos’è esattamente questa novità del registro degli impianti? Ebbene, col nuovo quinto conto energia sarà introdotto un registro degli impianti che possono ricevere le agevolazioni: l’esenzione rimarrà limitata solo alle piccole installazioni (sotto i 12 kilowatt che corrispondono alla produzione di energia di pannelli su un tetto di una casa di medie dimensioni). Soglie di potenza più alte (50 kilowatt) saranno concesse solo per gli impianti a concentrazione o ai pannelli solari che sostituiscono le coperture di amianto. Dovrebbe essere introdotto, come avevano chiesto a gran voce le Regioni, il premio per le apparecchiature made in Europe, con specifici requisiti di certificazione stringenti e sovrapponendolo ad una tariffa base un po’ più bassa rispetto a quella prevista per gli altri impianti. Per le famiglie le difficoltà aumentano, però, anche per gli sconti fiscali legati agli interventi finalizzati al risparmio energetico: come noto col decreto sviluppo di venerdì 15 giugno 2012 il governo ha abbassato la soglia di detraibilità dal 55 al 50% e soprattutto fissato una scadenza al 30 giugno 2013 che ha raccolto violente critiche. «Chi mai intraprenderà più interventi di efficientamento energetico, quando il bonus per le semplici ristrutturazioni edilizie ordinarie, ha sottolineato il responsabile energia della Cgil, Antonio Filippi sarà disponibile per lo stesso importo, con il vantaggio di non sottostare a nessun adempimento?>>.

Articoli correlati:

Quinto Conto Energia 2012:le principali novità

Incentivi ristrutturazioni dal 36% al 50%

Quinto Conto Energia 2012 PDF

Un Commento

  1. Il quinto Conto Energia così come gli altri hanno permesso al fotovoltaico di crescere.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: